Massaggio Miofasciale

Che cos'è il massaggio miofasciale?

Il massaggio miofasciale è una tecnica di massaggio che lavora in profondità agendo sulla fascia del muscolo e sull’aponeurosi strutturale, ovvero sul tessuto connettivale resistente, che riveste i ventri muscolari, li unisce l’un l’altro e ne permette il reciproco scorrimento, è una terapia manuale che non lavora sui muscoli ma tra i muscoli.

Per praticare il massaggio miofasciale il professionista si avvale dell’uso delle mani, nocche, avambracci, gomiti, sempre in base alla zona e alla gravità da trattare, tra le manualità utilizzate troviamo l’allungamento dolce ma profondo,trazioni e compressioni.

È un massaggio lento e ritmato, localizzato alla zona interessata, l’operatore muove con le dita i piani sottostanti la cute, agganciandosi e spostandosi trasversalmente alla linea del tessuto interessato.

Questo tessuto può andare incontro a “densificazioni” che ne limitano la normale mobilità, dando così origine a problematiche muscolari, articolari, posturali e tessutali in generale.

Il contenuto di questa pagina è stato supervisionato dalla dottoressa F. Mazzuoli, fisioterapista

Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

BRANCA DI RIFERIMENTO:

Indice:

Modalità di accesso alla prestazione:

S.S.N.
Extra S.S.N.

Tempi di attesa: da 1 a 5 giorni

(tempi d’attesa orientativi, in fase di prenotazione potrebbero essere anche inferiori o leggermente maggiori)

Quanto costa il massaggio miofasciale?

Il costo del massaggio miofasciale in regime privato può variare in base sia al medico specialista sia alla possibilità dell’utente di usufruire di convenzioni.

A che cosa serve il massaggio miofasciale?

Il massaggio miofasciale è particolarmente efficace nel trattamento delle rigidità, contratture muscolari anche di tipo croniche, in caso di ipoestensioni muscolari, esiti cicatriziali (fibrosi, aderenze interfasciali..), ridotta mobilità articolare, mal di testa-emicrania, scorretta postura, disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare.

Effetti del massaggio miofasciale

Il massaggio miofasciale è in grado di riequilibrare gli squilibri fasciali, migliorare la postura e risolvere dolori muscolari e articolari.

I vantaggi del massaggio miofasciale sono quelli di aumentare l’apporto ematico, di migliorare il deflusso venoso e linfatico, di restituire scorrevolezza ai tessuti e quindi un progressivo rilasciamento della componente fasciale, liberando i muscoli e gli organi dalle costrizioni associate alla densificazione del connettivo.

Quanto dura il massaggio?

Le prime sedute non avranno una durata maggiore di 40 minuti per non sottoporre il fisico ad eccessivo stress, una volta che il paziente si sarà abituato al trattamento, esso potrà anche raggiungere la durata di 60/90 minuti.

Avvertenze e norme di preparazione

Informazioni in corso di aggiornamento.

Controindicazioni

Il massaggio miofasciale è controindicato in caso di febbre o influenza in fase acuta, problemi cardiaci gravi, flebiti acute, infiammazioni cutanee evidenti, malattie cutanee infettive, bruciature

Come si svolge la seduta di Massaggio Miofasciale?

Il terapista fasciale deve capire tutti i disturbi passati e presenti in ogni area del corpo, bisogna annotare se ci sono stati eventuali interventi chirurgici, fratture,lussazioni, traumi, estrazioni di denti, che lasciano delle densificazioni e dolore sulla fascia anche a distanza di molti anni.
Poi si passa alla valutazione, che comprende tutti i test di movimento dell’articolazione dolorosa.

Successivamente si preme su determinati “punti” in base alle indicazioni dell’esame muscolare, alla ricerca di rugosità ed irradiazione del dolore.

L’irradiazione non sempre è presente, ma quando si avverte la “scossa”anche verso un’altra zona del corpo, si inizia il trattamento da quel punto.
Il trattamento consiste nello sfregamento sul punto responsabile del dolore, la manipolazione provoca attrito e calore che va a sciogliere i ponti di collagene anomali.

Subito dopo, si chiede al paziente la ripetizione dei test motori dolorosi per capire se ci sono stati miglioramenti.

Generalmente il miglioramento è immediato,solo nei giorni successivi al trattamento è possibile che i punti trattati siano dolenti,ma è solo un effetto temporaneo.

Il massaggio miofasciale è eseguito da un fisioterapista specializzato.

Approfondimenti

Potrebbe interessarti leggere anche questi articoli

La fisioterapia per l’ernia del disco

Questo articolo illustra in modo semplice e breve il ruolo della fisioterapia nel trattamento delle ernie discali

Leggi →

La riabilitazione dopo l’asportazione di un’ernia discale

La fisioterapista Abbruzzese descrive il percorso di guarigione di una paziente sottoposta ad un intervento chirurgico alla colona vertebrale

Leggi →

Frattura sottocapitata del femore, la riabilitazione di un giovane paziente

Il fisioterapista Maurizio Lucarelli racconta il percorso fisioterapico a cui si è sottoposto un paziente dopo la frattura sottocapitata del femore

Leggi →
Torna su
×

Salve!

La Reception di Polimedica è a tua disposizione su WhatsApp per info e prenotazioni da Lunedì a Sabato, dalle 9.00 alle 19,00.

× Ti serve aiuto?