Mobilizzazione di altre articolazioni

Che cos'è?

La mobilizzazione è un tipo di terapia esercitata manualmente dal fisioterapista, consiste nel mobilizzare una o più articolazioni e consente al paziente di ampliare gli angoli di movimento dell’articolazione coinvolta dalla patologia.

Il contenuto di questa pagina è stato supervisionato dalla d.ssa Francesca Mazzuoli, fisioterpista.

Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

BRANCA DI RIFERIMENTO:

Indice:

Modalità di accesso alla prestazione:

S.S.N.
Extra S.S.N.

Tempi di attesa: da 1 a 5 giorni

(tempi d’attesa orientativi, in fase di prenotazione potrebbero essere anche inferiori o leggermente maggiori)

Quanto costa la mobilizzazione?

Il costo della mobilizzazione in regime privato può variare in base sia al medico specialista sia alla possibilità dell’utente di usufruire di convenzioni.

A che cosa serve la mobilizzazione di altre articolazioni?

L’obiettivo della mobilizzazione è quello di conservare libero il movimento articolare fisiologico nei diversi piani dello spazio per riportare verso la normalità la mobilità articolare.

Campi di applicazione

  • Pre/post-intervento;
  • Trauma;
  • Lesioni di varia natura;
  • Tutte le patologie croniche degenerative che provocano limitazione articolare e muscolare.

Quanto dura la mobilizzazione passiva?

Mobilizzazione passiva 10/ 20 min

Avvertenze e norme di preparazione

Dipende dall’articolazione, ad ogni modo si consiglia un abbigliamento comodo.

Controindicazioni

Non ci sono controindicazioni.

Come si svolge una seduta di Mobilizzazione delle articolazioni?

La Tecnica della mobilizzazione articolare

  • passiva, quando viene eseguita dal terapista o da apparecchiature specifiche, questa mobilizzazione viene svolta soprattutto nella fase iniziale dopo un intervento, trauma, spasmi muscolari, senza mai superare la soglia del dolore;
  • attiva/assistita, quando il paziente lavora insieme al terapista;
  • attiva, quando viene eseguita esclusivamente dal paziente, svolta liberamente dal paziente o con applicazione di una resistenza (pesi, elastici, etc) inserita in un contensto di esercizi posturali/procpriocettivi.

In base alle condizioni di partenza il paziente potrebbe provare qualche fastidio, ma nulla di insopportabile o di effettivamente doloroso.

Un fisioterapista.

Approfondimenti

Potrebbe interessarti leggere anche questi articoli

La fisioterapia per l’ernia del disco

Questo articolo illustra in modo semplice e breve il ruolo della fisioterapia nel trattamento delle ernie discali

Leggi →

La riabilitazione dopo l’asportazione di un’ernia discale

La fisioterapista Abbruzzese descrive il percorso di guarigione di una paziente sottoposta ad un intervento chirurgico alla colona vertebrale

Leggi →

Frattura sottocapitata del femore, la riabilitazione di un giovane paziente

Il fisioterapista Maurizio Lucarelli racconta il percorso fisioterapico a cui si è sottoposto un paziente dopo la frattura sottocapitata del femore

Leggi →
Torna su
×

Salve!

La Reception di Polimedica è a tua disposizione su WhatsApp per info e prenotazioni da Lunedì a Sabato, dalle 9.00 alle 19,00.

× Ti serve aiuto?