Onde d’urto radiali

Che cosa sono e come funzionano

Le Onde d’urto sono onde acustiche che trasportano un alto quantitativo di energia attraverso i tessuti e che s’irradiano attraverso questi ultimi provocando una serie di effetti fisici e chimici.

L’efficacia dell’onda d’urto è correlata a due effetti:

  • l’effetto “cavitazione” (rapida formazione e collasso di bolle di vapore all’interno di un liquido) provocato dalla depressione susseguente l’impulso, che supera le caratteristiche elastiche del tessuto;
  • effetto diretto dell’impulso sul tessuto nella zona bersaglio e per fenomeni di riflessione, in punti di passaggio tra tessuti molli (tendini, muscoli) e tessuti più compatti (ossa e formazioni calcifica).

La conseguenza di questi due effetti è un aumento della vascolarizzazione nella zona colpita, per la stimolazione da parte degli impulsi sulle fibre nervose simpatiche e sulle membrane cellulari.

Si attiva quindi la secrezione di sostanze endogene che hanno come conseguenza la rimozione dei fattori infiammatori, l’inibizione delle vie del dolore e la stimolazione per la formazione di nuovi vasi (neoangiogenesi).

A livello del tessuto osseo, in caso di fratture recenti, si produce un effetto simile con aumento della vascolarizzazione e conseguente stimolazione osteogenica (formazione di tessuto osseo).

Le informazioni che leggi qui sono state redatte e supervisionate dai nostri FISIOTERAPISTI

Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

BRANCA DI RIFERIMENTO:

Indice:

Modalità di accesso alla prestazione:

S.S.N.
Extra S.S.N.

Tempi di attesa: da 1 a 5 giorni

(tempi d’attesa orientativi, in fase di prenotazione potrebbero essere anche inferiori o leggermente maggiori)

Quanto costa la prestazione?

Il costo della prestazione in regime privato può variare in base sia al medico specialista sia alla possibilità dell’utente di usufruire di convenzioni.

A che cosa servono e in quali casi vengono utilizzate?

Le onde d’urto hanno vari campi di utilizzo.

Patologie ossee:
– ritardi di consolidamento;
– fratture da stress.

Patologie dei tessuti molli:
– rigidità articolari (gomito, spalla, ginocchio, anca);
– calcificazioni;
– miositi ossificanti;
– fibromatosi di muscoli, legamenti o fasce;
– tendinopatie.

Avvertenze e norme di preparazione

Nella maggior parte dei casi la terapia richiede tra le 4-5 sedute che vanno effettuate con la cadenza di una a settimana.

Dopo il trattamento con onde d’urto radiali non bisogna applicare ghiaccio nella zona di trattamento ed evitare l’uso di antinfiammatori nelle 48h seguenti.

Controindicazioni

Non è possibile effettuare il trattamento con onde d’urto radiali se è presente una delle seguenti condizioni:

  • gravidanza;
  • portatori di pacemaker;
  • fasi tumorali;
  • malattie importanti della coagulazione del sangue (emofilia);
  • presenza di cartilagine di accrescimento;
  • ferite nell’area di applicazione.

A seconda della zona da trattare e della condizione clinica, in alcuni casi durante il trattamento il paziente potrebbe provare un po’ di fastidio, comunque generalmente ben tollerato.

Un fisioterapista specializzato.

Approfondimenti

Potrebbe interessarti leggere anche questi articoli

La fisioterapia per l’ernia del disco

Questo articolo illustra in modo semplice e breve il ruolo della fisioterapia nel trattamento delle ernie discali

Leggi →

La riabilitazione dopo l’asportazione di un’ernia discale

La fisioterapista Abbruzzese descrive il percorso di guarigione di una paziente sottoposta ad un intervento chirurgico alla colona vertebrale

Leggi →

Frattura sottocapitata del femore, la riabilitazione di un giovane paziente

Il fisioterapista Maurizio Lucarelli racconta il percorso fisioterapico a cui si è sottoposto un paziente dopo la frattura sottocapitata del femore

Leggi →
Torna su
×

Salve!

La Reception di Polimedica è a tua disposizione su WhatsApp per info e prenotazioni da Lunedì a Sabato, dalle 9.00 alle 19,00.

× Ti serve aiuto?