La fisioterapia per l’ernia del disco

Articolo realizzato a cura della redazione del sito di Polimedica Melfi con la supervisione dei nostri medici specialisti.

INTRODUZIONE

Questo articolo illustra in modo semplice e breve il ruolo della fisioterapia nel trattamento delle ernie discali. 

Le tecniche e  gli esercizi, come ci spiega la nostra fisioterapista, variano a seconda dei casi, ovvero in base al quadro clinico generale del paziente, al tipo di ernia, al posizionamento e alla sintomatologia.

In Polimedica, grazie alla molteplicità dei medici specialisti che collaborano fra loro e alla strumentazione disponibile, siamo in grado di approcciare le patologie discali attraverso diverse prospettive ed individuare il percorso più adatto ad ogni persona, tenendo conto delle esigenze individuali e delle specificità dello stato di salute.

Indice:

La discopatia e il compito del fisioterapista

“La fisioterapia ha lo scopo di favorire un recupero della funzionalità e della mobilità del paziente, lavorando per ridurre ed eliminare il dolore.”

In caso di ernia del disco o protrusione discale la fisioterapia ha lo scopo di favorire un recupero della funzionalità e della mobilità dl paziente, lavorando per ridurre ed eliminare il dolore.

L’argomento “discopatia” è molto ampio: si parla comunemente di ernia del disco, ma le caratteristiche di un’ernia possono essere molto diverse, la gravità può essere variabile avendo quindi una sintomatologia differenziata e, di conseguenza, il lavoro del fisioterapista sarà diverso per ogni paziente, personalizzando il percorso riabilitativo in base alle caratteristiche e necessità della persona.

Il fisioterapista pianificherà il lavoro basandosi sulle esigenze e sulle condizioni del paziente, incentrandosi sulla maggiore o minore gravità dei sintomi, sullo stadio e sulla posizione dell’ernia, ma anche sull’età e sulle necessità di tutti i giorni.

Leggi tutto l’articolo e, se pensi che possa essere utile anche a qualcun’altro, non esitare a condividerlo sui social!

Ricevere l’informazione giusta al momento giusto può fare la differenza!

Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Le tecniche fisioterapiche per l’ernia del disco

Il terapista utilizza tecniche manuali di mobilizzazione del rachide: tecniche di neurodinamica o mobilizzazione del sistema nervoso, che si basano sulla conoscenza approfondita del sistema nervoso centrale e periferico e sui meccanismi del dolore.

Queste tecniche permettono di agire sul tessuto nervoso e sulle strutture contigue interessati dalla discopatia, discriminando le cause del dolore attraverso mobilizzazioni distrettuali e selettive, posture specifiche, trattamento manuale di inibizione sul decorso del nervo.

Vengono inoltre utilizzate tecniche di mobilizzazione fasciale, trattamento dei trigger points con lo scopo di detendere e deafferenziare i tessuti (cioè eliminare le informazioni dolorose che arrivano dal nervo sofferente).

La ginnastica posturale (approfondimento) e il programma riabilitativo variano in base alle zone della colonna vertebrale interessate dall’ernia, con lo scopo di distendere la colonna vertebrale in modo di ridurre al massimo la pressione.

Generalmente nei training che si propongono ci sono esercizi basati sul metodo McKenzie, che intervengono sulla decompressione dei nervi in particolare in caso di ernia cervicale, e il metodo della cosiddetta “Back School” che punta a sbloccare le articolazioni interessate dal dolore con esercizi di stretching.

Gli esercizi da fare a casa

Per rendere più duraturi i benefici prodotti dal programma fisioterapico, è importante che il paziente prosegua anche a casa con gli esercizi consigliati dal fisioterapista. Nella costanza e nell’impegno individuale, non solo nella bravura del fisioterapista, sta il raggiungimento dell’obiettivo, soprattutto in un percorso di riabilitazione attiva.

Occorre, pertanto, fare allenamento quotidianamente o almeno fra le tre e le quattro volte in una settimana.

Il contenuto di questa pagina è stato curato da:

Alessia Abbruzzese, fisioterapista

Laureata con lode, in Polimedica oltre ad occuparsi di fisioterapia e rieducazione posturale, lavora in affiancamento col dottor Sciascia, ortopedico osteopata posturologo.

Sta per diventare osteopata dopo un impegnativo percorso di perfezionamento della durata di 6 anni della scuola ASFOM.

BRANCA DI RIFERIMENTO: FISIOTERAPIA (LINK)

Approfondimenti

Potrebbe interessarti leggere anche questi articoli

Fisiatria

Ernia del disco intervertebrale: curarsi con l’ozono

Il dottor Nigri, specialista in fisiatria, ci spiega in modo breve e semplice cos’è un ernia intervertebrale e i casi in cui l’ozono può essere l’opzione più adatta

Leggi →
Fisiatria

La riabilitazione dopo l’asportazione di un’ernia discale

La fisioterapista Abbruzzese descrive il percorso di guarigione di una paziente sottoposta ad un intervento chirurgico alla colona vertebrale

Leggi →
Fisiatria

Frattura sottocapitata del femore, la riabilitazione di un giovane paziente

Il fisioterapista Maurizio Lucarelli racconta il percorso fisioterapico a cui si è sottoposto un paziente dopo la frattura sottocapitata del femore

Leggi →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
×

Salve!

La Reception di Polimedica è a tua disposizione su WhatsApp per info e prenotazioni da Lunedì a Sabato, dalle 9.00 alle 19,00.

× Ti serve aiuto?