fbpx
Ultimo aggiornamento il 26 Maggio 2022

Onde d’urto focali in ambito muscolo-scheletrico

In Polimedica, assieme alle visite e agli esami, vengono eseguite anche diverse tipologie di trattamenti e terapie. Tra quelle dedicate all’apparato muscolo/scheletrico, rientrano anche delle prestazioni che utilizzano le onde d’urto focali.

Chi è alla ricerca di trattamenti con onde d’urto focali a Melfi e dintorni può affidarsi a Polimedica, ai suoi specialisti e alle strumentazioni di ultima generazione utilizzate.

Ma cosa sono le onde d’urto focali? E a cosa servono? La seguente pagina fornisce una panoramica in merito a questa terapia: supervisionata da un medico fisiatra, spiega quali sono le proprietà e i benefici terapeutici di questo trattamento, quando risulta utile e come praticamente avviene una seduta.

Va specificato come le onde d’urto focali (a volte chiamate anche focalizzate) rientrino in trattamenti “manu medica”: è il medico specialista l’unica figura sanitaria a svolgere questo genere di trattamento. Le onde d’urto, però, vengono utilizzate in diversi campi sanitari. Le onde d’urto radiali, ad esempio, sono altre terapie di tipo fisioterapico (eseguite anche in Polimedica), che si basano sullo stesso tipo di tecnologia.

Inoltre, i campi di azione delle onde d’urto possono essere diversi. L’utilizzo di questa tecnologia in medicina non riguarda solo l’ambito muscolo-scheletrico ma, soprattutto negli ultimi anni, vede la sua applicazione anche in urologia e andrologia. In Polimedica, infatti, grazie all’utilizzo di una strumentazione di ultima generazione, le onde d’urto focali sono utilizzate anche per la cura di patologie e disturbi dell’apparato urogenitale.

Il contenuto di questa pagina è stato supervisionato e avallato dal dottor Riccardo De Rosa, specialista in Fisiatria.

BRANCA DI RIFERIMENTO:

Indice:

Modalità di accesso alla prestazione:

S.S.N.
Extra S.S.N.

Tempi di attesa: da 3 a 10 giorni

(tempi d’attesa orientativi, in fase di prenotazione potrebbero essere anche inferiori o leggermente maggiori)

Quanto costano?

Il costo delle Onde d’urto in regime privato può variare in base sia al medico specialista sia alla possibilità dell’utente di usufruire di convenzioni.

Che cosa sono?

Le onde d’urto focali sono onde acustiche ad alta potenza che hanno effetti meccanici e biologici. Applicate correttamente, hanno un effetto terapeutico, poiché provocano una rigenerazione dei tessuti malati o feriti.

A che cosa servono

Sebbene le onde d’urto focali abbiano molteplici benefici terapeutici, questo tipo di trattamento viene utilizzato principalmente per curare malattie che richiedono la rigenerazione dei tessuti.

Pertanto, le proprietà terapeutiche delle onde d’urto sono:

  • la nuova creazione di vasi sanguigni,
  • la produzione di collagene,
  • l’eliminazione dei punti trigger,
  • l’eliminazione delle calcificazioni,
  • il trattamento dell’infiammazione cronica.

In ambito muscolo-scheletrico le onde d’urto focali vengono utilizzate per il trattamento del dolore cronico, come dolore alla spalla o alle anche, tendinopatie calcifiche, fascite plantare, tendinopatia cronica o ginocchio del saltatore.

Quanto dura la prestazione?

La durata di ogni sessione può variare dai 10 ai 15 minuti circa.

Quante sessioni sono richieste?

Normalmente, i trattamenti con onde d’urto focali richiedono da 3 a 5 sessioni, eseguite a cadenza settimanale. Il miglioramento della sintomatologia si evidenzia già dalla prima sessione.

Avvertenze e norme di preparazione

Le onde d’urto focali non richiedono una preparazione particolare da parte del paziente, poiché non è un trattamento invasivo e non è necessaria alcun tipo di anestesia. 

Il paziente potrebbe sentire un leggero fastidio durante il trattamento, a seconda della propria sensibilità e della zona da trattare, fastidio che cessa immediatamente dopo la seduta terapeutica.

Controindicazioni

Non è possibile effettuare il trattamento con onde d’urto focali se è presente una delle seguenti condizioni:

  • gravidanza;
  • portatori di pacemaker;
  • fasi tumorali;
  • malattie importanti della coagulazione del sangue (emofilia);
  • presenza di cartilagine di accrescimento;
  • ferite nell’area di applicazione.

Come si esegue il trattamento?

L’applicazione delle onde d’urto focali è un trattamento semplice e minimamente invasivo. La sessione è composta da 3 fasi.

In primo luogo, lo specialista palpa la zona del corpo interessata per individuare con maggiore precisione l’area specifica da trattare con le onde d’urto.

Successivamente, viene applicato un gel per ultrasuoni sull’area interessata per consentire alle onde d’urto di propagarsi in modo più efficiente.

Infine, si appoggia un manipolo collegato ad un generatore di onde d’urto focali sull’area interessata. Attraverso questo manipolo lo specialista, premendo, applica manualmente le onde sulla zona del corpo del paziente.

Trattamento totalmente non invasivo.

Questo tipo di trattamento è svolto da un medico specialista in Fisiatria.

Esistono alternative?

Oltre alle onde d’urto focali, esistono altre terapie indicate per il trattamento del dolore cronico, alcune come l’agopuntura, le infiltrazioni di acido ialuronico, il plasma ricco di piastrine, ecc. Sarà il medico fisiatra durante la visita a stabilire il trattamento più utile per la patologia in questione.

Articoli e news​

Potrebbe interessarti leggere anche questi articoli

Immagine, con logo di Polimedica Melfi, della fisioterapista dr.ssa Emanuela Simonetti che esegue degli esercizi di Neurodinamica al polso di un paziente. Foto di accompagnamento all'articolo dedicato a Esercizi di Neurodinamica.
Fisiatria

Esercizi di Neurodinamica

Interessante articolo, a cura della dr.ssa Simonetti, su specifiche tecniche fisioterapiche utilizzate per trattare problemi muscoloscheletrici

Leggi →
Foto, con logo di Polimedica Melfi, di due sportivi che eseguono degli esercizi di stretching su un prato. Immagine di accompagnamento all'articolo dedicato a Esercizi di stretching.
Fisiatria

Esercizi di stretching

Sai quanti tipi di stretching ci sono? Come agisce lo stretching sul muscolo? E quali sono i tessuti che possono trarre benefici?

Leggi →
Immagine, con logo di Polimedica Melfi, di una donna che con una mano si tocca la spalla perché dolorante. Foto di accompagnamento all'articolo dedicato a La riabilitazione nell’instabilità di spalla.
Fisiatria

La riabilitazione nell’instabilità di spalla

Indicazioni sulla riabilitazione fisioterapeutica in caso di lussazioni/sublussazioni, conseguenze causate dall’eccessiva mobilità della spalla

Leggi →
Torna su