fbpx

Disfunzione erettile: la soluzione grazie alle onde d’urto

Ultimo aggiornamento il 13 Giugno 2022

INTRODUZIONE (a cura dello staff della redazione)

Circa il 40% degli over 50 e la metà degli ultrasettantenni è colpito dalla disfunzione erettile. Questo disturbo, inoltre, colpisce con una certa frequenza anche gli uomini più giovani, soprattutto quando sono presenti fattori di rischio cardiovascolari.

Per più di due decenni, la terapia di prima linea di questo disturbo si è basata sulla somministrazione dei farmaci orali che appartengono alla classe degli inibitori delle fosfodiesterasi di tipo 5.

Ma adesso è possibile affidarsi ad una nuova terapia priva di effetti collaterali.

Ne abbiamo parlato col dottor Giovanni Miracolo, specialista dell’Ambulatorio di Urologia ed Andrologia della Polimedica di Melfi. Qui, il dottore svolge ambulatorio periodicamente, sia in accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale che extra SSN. 

Se sei alla ricerca di un bravo urologo in provincia di Potenza, Foggia, Avellino contatta Polimedica e prenota un appuntamento con i nostri specialisti. Cogliamo l’occasione per ricordarti i nostri canali di contatto:

Proseguendo la lettura dell’articolo, vengono riportate le cause della disfunzione erettile e spiegato il funzionamento e l’efficacia delle onde d’urto come terapia elettiva per questo disturbo.

Indice:

Articolo a cura del dott. Giovanni Miracolo, medico urologo

Quali sono le cause della disfunzione erettile?

Le cause sono molteplici e possono essere anche multifattoriali, ma in linea di massima, considerando la casistica più diffusa, possiamo senz’altro citare una serie di condizioni che hanno una buona probabilità di far insorgere tale disturbo:

La disfunzione erettile come campanello d'allarme

Non è cosa rara che in presenza di una patologia cardiovascolare, siano i piccoli vasi del pene ad essere colpiti e, in secondo luogo, siano interessate le “autostrade” del cuore e del cervello: da qui l’importanza di una diagnosi tempestiva di disfunzione erettile, disturbo che può essere spia di malattie organiche come ipertensione, diabete, sindrome metabolica, rischio di infarto e ictus.

Le terapie a disposizione

Fino a poco tempo fa l’approccio farmacologico era il più diffuso, ma circa la metà di chi utilizza le cosiddette “pillole dell’amore” smette di utilizzarle dopo il primo utilizzo, sia per via dei costi, sia a causa di eventuali effetti collaterali. Inoltre questi farmaci, seppur efficaci nel miglioramento dell’erezione, non possono essere considerati un approccio curativo definitivo per questo disturbo e, infine, compromettono la spontaneità del rapporto, poiché chi ne fa uso è vincolato a pianificare la propria attività sessuale.

Le altre opzioni, in caso di insuccesso della terapia farmacologica, sono la terapia cavernosa e l’impianto della protesi peniena, entrambe soluzioni dai costi importanti e da un elevato grado di invasività.

Recentemente le onde d’urto si stanno affermando sempre più come terapia elettiva, grazie ai costi più contenuti, l’assenza di effetti collaterali e la capacità di agire sulle cause, realizzando risultati duraturi nel tempo.

Le onde d'urto

Funzionamento della terapia

La terapia con onde d’urto focalizzate a bassa intensità è definita come una delle terapie di “prima linea” dalle linee guida dell’Associazione Europea di Urologia.

Le onde d’urto contribuiscono a:

  • stimolare la neoangiogenesi (formazione di nuovi vasi sanguigni),
  • aumentare la produzione di ossido nitrico,
  • rigenerare i tessuti
  • “ammorbidire” le placche peniene (in modo tale da contribuire al ripristino della necessaria elasticità dei corpi cavernosi).

Studi clinici riportano efficacia all'80%

La metodica è indolore e non presenta effetti collaterali di rilievo. Tutti possono utilizzare la procedura, da sola o associata ad altre terapie.

Le onde d’urto a bassa intensità, rispetto alle cure in uso, presentano il grande vantaggio di essere considerate curative e non di agire solo sui sintomi.
In genere sono necessarie 6/8 sedute, una volta a settimana, della durata di 10/15 minuti.

È fondamentale inquadrare con attenzione la situazione clinica tramite una visita specialistica, così da optare per il trattamento più opportuno.

Approfondimento: altri ambiti di applicazione

L’utilizzo delle onde d’urto si è rivelato inoltre particolarmente efficace nel trattamento della prostatite cronica e della malattia di La Peyronie. I risultati di vari centri italiani ed europei fanno ben sperare, evidenziando la possibilità di giungere ad una guarigione definitiva nella maggior parte dei casi.

L'importanza della prevenzione

Ogni uomo dovrebbe rivolgersi allo specialista in urologia ed andrologia ogni volta che riscontra dei problemi, riguardo all’apparato uro-genitale. In particolare, la prima visita andrebbe fatta tra i 14 ed i 16 anni, la seconda tra i 18 e i 20, la terza tra i 35 e i 40 e, dopo i 40 un controllo all’anno.

Professionalità Polimedica

Presso la Polimedica di Melfi, struttura di eccellenza ambulatoriale, che offre un’assistenza sanitaria specialistica a 360 gradi in oltre 25 branche mediche, è attivo anche il servizio di Urologia e Andrologia, con la possibilità di accedere a visite specialistiche (come quella urologica), esami e terapie, con i migliori specialisti e con tecnologie di ultima generazione.

FOTO dottor Giovanni Miracolo - urologo - basilicata

Articolo a cura del dott. Giovanni Miracolo

Medico chirurgo specialista in Urologia.

Durante la sua lunga attività professionale, ha eseguito migliaia di interventi chirurgici urologici e migliaia di visite specialistiche e relative prestazioni strumentali. Parallelamente, ha svolto l’attività di docente di Urologia oltre ad essere autore di molte pubblicazioni scientifiche e relatore in numerosi convegni medici.

Pagine correlate

Potrebbe interessarti leggere anche queste pagine

Foto, con logo di Polimedica Melfi, di un medico con uno stetoscopio in mano che parla al proprio paziente seduto sul lettino. Immagine utilizzata per la pagina Visita urologica.
Urologia

Visita urologica

Ultimo aggiornamento il 13 Ottobre 2021 Visita urologica La “visita specialistica urologica” è una delle prestazioni offerte dall’ambulatorio di Urologia di Polimedica Melfi. In questa …

Leggi →
Immagine, con logo di Polimedica Melfi, di un signore che riceve una pacca sulla spalla dal suo medico. Foto utilizzata per la pagina Visita andrologica.
Urologia

Visita andrologica

Ultimo aggiornamento il 26 Maggio 2022 Visita andrologica In ambito maschile, il medico di riferimento è l’andrologo, ovvero il ginecologo dell’uomo, quel medico specializzato in …

Leggi →
Immagine con l'icona della branca Urologia.

Urologia e andrologia

Ultimo aggiornamento il 26 Maggio 2022 Urologia e andrologia Servizio di urologia e andrologia a Melfi L’ambulatorio di Urologia è specializzato nella prevenzione, diagnosi e …

Leggi →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su